Firme false M5s, udienza preliminare rinviata al 26 maggio

Claudia La Rocca: "Se rinviata a giudizio non mi ricandiderò all'Ars"

m5s

PALERMO – E’ durata solo pochi minuti la prima udienza preliminare per l’indagine sulle firme false del M5S di Palermo. Dopo aver rigettato la richiesta di un legale degli imputati oggi assente per motivi di salute, il gup Nicola Aiello ha comunque deciso di rinviare l’udienza al prossimo 26 maggio. La decisione è stata presa

M5s, Forello: “Grillo è con me, vado avanti più forte di prima”

Il candidato sindaco di Palermo sull'audio pirata che ha gettato ombre sulla sua gestione di Addiopizzo

m5s

PALERMO –  Ugo Forello al contrattacco. Il candidato sindaco di Palermo del M5s convoca i giornalisti per contrastare la “macchina del fango”. “Ieri c’è stato un mostro sbattuto in prima pagina”, dice riferendosi alle accuse di aver lucrato su Addiopizzo fatte in una conversazione audio diffusa sul web, tra Andrea Cottone, membro dello staff della comunicazione alla

Palermo, nuovi veleni in casa M5s: spunta audio contro Forello

"Ombre" sulla gestione di Addiopizzo da parte del candidato sindaco. La replica: "Solo falsità"

m5s

PALERMO – Dopo l’inchiesta “Firme false”, nuovi veleni tornano a diffondersi nel M5s palermitano a un mese dal voto amministrativo. A rendere incandescente l’atmosfera in casa grillina, un audio di trenta minuti con accuse pesanti nei confronti del candidato sindaco Ugo Forello e del suo modo di gestire Addiopizzo, l’associazione da lui presieduta sino all’anno scorso.

Firme false M5s, anche Mannino si autosospende e passa al Misto

La decisione della parlamentare nazionale palermitana coinvolta nell'inchiesta della Procura

m5s

PALERMO – Dopo Riccardo Nuti e Giulia Di Vita, anche Claudia Mannino si sospende dal gruppo parlamentare del M5s alla Camera. “Ho riflettuto a lungo ed ho deciso, in linea con i miei colleghi Nuti e Di Vita, di dare seguito alla sospensione dal gruppo parlamentare e quindi passare al gruppo misto sino allo scadere

Palermo, M5s ad alta tensione. Grillo: “Sospendere parlamentari indagati”

Il leader pentastellato interviene dopo gli attacchi di Nuti, Di Vita e Mannino a Forello e ai deputati regionali La Rocca e La Rocca

m5s

PALERMO – Beppe Grillo rompe gli indugi: troppo alta la tensione nel M5s palermitano per non prendere posizione. Al leader pentastellato non sono piaciute le esternazioni di Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino che in una nota hanno chiesto l’espulsione di Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca. I tre parlamentari nazionali sono indagati, al pari dei colleghi

M5S, la “graticola” non riscalda i palermitani

Una magra platea per Argiroffi, Caparrotta e Forello. Grande assente la compagine dei nutiani

Graticola Palermo m5s

Ieri sera sul palco del cinema De Seta, per il confronto tra candidati e cittadini, sono stati solo in tre. A sventolare bandiera bianca è stata la candidata Franca Tiziana De Pasquale. In prima fila, ma silente, il quarto “finalista”: il poliziotto-sindacalista Igor Gelarda