Che fine hanno fatto gli accessi agli atti su Librino?

A chiederli, nel 2016, era stata la Commissione Antimafia nel corso di un'audizione dell'ex Prefetto Federico. Ma il successore nega

Riccio

CATANIA – Se il Prefetto c’è batta un colpo. Potrebbe riassumersi così il primo anno di mandato della dottoressa Silvana Riccio, giunta a Catania lo scorso 27 gennaio in sostituzione di Maria Guia Federico. Da undici mesi la rappresentante del Governo si è insediata ai piedi dell’Etna, trovando una città non facile e con molte questioni aperte.

Regionali, che fine hanno fatto le “mirate azioni di controllo” sul voto chieste da Minniti al Prefetto?

Delle misure straordinarie chieste dal Ministro per scongiurare alterazioni del risultato elettorale a Catania non si parla ancora. E intanto il voto si avvicina

Minniti

CATANIA – Maggiori controlli sul voto del 5 novembre. E particolare attenzione a eventuali tentativi da parte della criminalità organizzata di condizionare l’esercizio democratico. E’ quanto aveva chiesto il ministro dell’Interno Marco Minniti in una lettera inviata lo scorso 25 ottobre ai Prefetti siciliani, sollecitando “interventi mirati” volti ad impedire qualunque alterazione dei risultati. La

Corso Martiri, in autunno l’apertura dei cantieri Predisposto il Protocollo di legalità

Scopo del documento "la prevenzione delle infiltrazioni mafiose e dei fenomeni corruttivi per la realizzazione delle opere"

MARTIRI

Partiranno il prossimo autunno i lavori del “nuovo” Corso Martiri della Libertà. Dopo oltre cinquant’anni il “buco” al centro della città – frutto dello sventramento di San Berillo operato negli anni Cinquanta, bloccato per decenni da burocrazie incrociate – verrà sostituito da un boluevard che dovrebbe unire spazi pubblici e privati per recuperare il quartiere alla vivibilità dei catanesi

Catania, cerimonia per i 203 anni dalla fondazione dei Carabinieri

La ricorrenza, festeggiata in tutta Italia, ha visto la partecipazione delle maggiori autorità cittadine FOTO

carabinieri

CATANIA – Si è svolta oggi pomeriggio presso la Caserma “Vincenzo Giustino” di Piazza Giovanni Verga a Catania la Cerimonia per il 203° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. La ricorrenza, festeggiata in tutta Italia, ha visto la partecipazione delle maggiori autorità cittadine – dal sindaco Enzo Bianco al Prefetto Silvana Riccio, dal Questore Giuseppe Gualtieri al

Oda, i Cobas al Prefetto: “Problema di ordine pubblico, intervenga”

Ieri la convocazione dei sindacati da parte della dottoressa Riccio allo scopo di “esaminare le problematiche afferenti l’Ente”

“La riunione è andata bene, il Prefetto ha dimostrato attenzione nei confronti dei lavoratori e degli utenti dell’ODA. Occorre dare stabilità all’Ente e alla governance, attenzionando la richiesta di serenità e legalità che viene dai lavoratori di via Galermo, che versa in uno stato di forte stress e disagio”.

ODA, il Prefetto Riccio convoca i sindacati. Tanti i nodi da sciogliere

Vertice in Prefettura per chiarire le posizioni delle maestranze sui management contrapposti che da mesi si contendono l'Ente

Il nuovo capitolo della vicenda ODA – l’Opera Diocesana di Assistenza da mesi al centro di una “guerra” tra management contrapposti, il CdA guidato da Alberto Marsella e il Commissario Straordinario Adolfo Landi nominato dall’Arcivescovo Gristina – arriva con la convocazione, mercoledì 31 maggio, dei sindacati da parte del Prefetto di Catania Silvana Riccio