Deve scontare 15 anni: va in carcere boss catanese della droga

La Squadra Mobile della Polizia ha arrestato Santo Querulo: da qualche anno faceva l'operaio nel modenese

querulo

CATANIA – Era già stato arrestato a Carpi nel 2013. Ma da qualche anno era libero e continuava a vivere sempre nel modenese, a Mirandola, dove faceva l’operaio. Adesso, per Santo Querulo, 39enne catanese, si sono aperte le porte del carcere: su di lui infatti pendeva una sentenza definitiva di 15 anni e 4 mesi di reclusione

Quando Provenzano si interessava alla Demoter

L'azienda dell'imprenditore coinvolto nell'inchiesta "Beta", che ha svelato le mire dei Santapaola sullo Stretto, sarebbe stata segnalata dal boss

Demoter

Appalti, denaro, influenze. Erano questi gli ingredienti del sistema criminale sgominato ieri dall’operazione “Beta”, messa a segno dagli uomini del Ros con il coordinamento della Procura di Messina. Ad operare nella città dello Stretto una frangia della famiglia Santapaola di Catania, che avrebbe agito con la complessità di alcuni colletti bianchi

“Ai domiciliari per salute”: così il boss gestiva lo spaccio

Rosario Lombardo era l'uomo a cui i Santapaola avevano consegnato il mercato della droga a Catania

CATANIA – A capo delle piazze di Librino, San Cristoforo e San Giovanni Galermo c’era lui. Rosario Lombardo, classe 1968, era l’uomo a cui i reggenti del clan Santapaola avevano consegnato il mercato dello spaccio di stupefacenti a Catania. La vendita al dettaglio di hashish e marijuana provenienti dall’Albania e cocaina calabrese e napoletana fruttava al

Nuovo colpo ai Santapaola: nomi e foto degli arrestati

CATANIA – Nuovo colpo agli affari del clan Santapaola di Catania. Nel mirino dell’operazione “Carthago 2” messa a segno dai carabinieri il controllo delle principali piazze di spaccio catanese. QUESTI I NOMI DEI 23 ARRESTATI– In manette sono finiti Massimo Amantea, classe 1977, Francesco Belviso, classe 1970, Salvatore Bonanno, classe 1987, Giuseppe Boncalvo, classe 1972

Messina, colletti bianchi al servizio dei Santapaola

L'operazione svela la presenza nella città dello Stretto di una cellula del clan catanese  LE FOTO DEGLI ARRESTATI

  MESSINA – Le mani della famiglia mafiosa Santapaola sulla città di Messina. Lo si sospettava da tempo. Ma solo oggi si è avuta la conferma, grazie all’operazione “Beta” dei carabinieri del Ros e del Comando provinciale che all’alba ha portato in carcere imprenditori e funzionari pubblici in un’inchiesta coordinata dal Procuratore aggiunto di Messina Sebastiano Ardita. Associazione mafiosa,

Operazione “Docks”, Bianco: “Un intero quartiere liberato dalla mafia”

Il sindaco di Catania lancia un appello: "La città si mobiliti per offrire ai giovani altri esempi". Plauso di Cgil e Addiopizzo

CATANIA – “Un intero quartiere di Catania oggi è stato liberato dalla mafia grazie ai Carabinieri e alla Procura della Repubblica “. Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco commentando la vasta operazione, denominata Doks, condotta a San Giovanni Galermo, nella zona nord della città, che ha assicurato alla giustizia 54 persone considerate appartenenti al clan Santapaola

Omicidi e droga: colpo al clan di Vizzini legato ai Santapaola

Operazione dei Carabinieri di Catania: 9 arresti

vizino

L’indagine, prosecuzione di quella denominata “Ciclope”, è stata avviata dopo alcuni gravissimi fatti di sangue verificatisi nel 2012 e 2013 nei territori di Francofonte, Vizzini e Grammichele. Gli investigatori, grazie a indagini tecniche e dinamiche poi riscontrate dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, hanno accertato l’esistenza di un’organizzazione mafiosa e di ricostruirne la struttura organizzativa.

Ucciso perché non volle assumere il boss: fatta luce su caso di “lupara bianca”

L'omicidio di Fortunato Caponnetto, imprenditore agricolo di Paternò

lupara bianca

I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Catania hanno arrestato quattro presunti appartenenti alla frangia della famiglia Santapaola-Ercolano operante nel territorio di Belpasso capeggiata da Carmelo Aldo Navarria

‘AL TUBO’. L’usura, le minacce e i 200 euro al mese per il ‘servizio di protezione’

La storia di usura tra le carte dell'inchiesta "Piramidi"

al tubo

La mafia esiste. Esiste ancora. Non è solo negli appalti, nei grossi affari, nella corruzione. E i proprietari di “AL TUBO” lo sanno. Nelle carte dell’inchiesta “Piramidi”, l’operazione della DDA di Catania che ha portato all’arresto di 14 persone e al sequestro di sei aziende, c’è anche altro

Fondi agricoli Ue, Corrao: “Pac ha finanziato mafia, spariti 400 milioni”

L'europarlamentate 5 Stelle: "Rendere noti i nomi dei beneficiari

pac

L’eurodeputato torna ad incalzare la Commissione Europea sui fondi per l’agricoltura: “Liste pubbliche dei beneficiari della Pac e maggiori controlli per evitare le truffe”