Setta degli orrori, coinvolto un magistrato?

Secondo notizie di stampa lo avrebbero detto i pm al Tribunale del Riesame di Catania, che ieri ha confermato gli arresti per Capuana e per le "apostole"

SETTA

Resterà in carcere il sedicente “arcangelo” Pietro Capuana, arrestato all’inizio del mese per il presunto giro di violenze sessuali all’interno dell’Associazione Cattolica Cultura e Ambiente di Aci Bonaccorsi. Lo ha deciso oggi pomeriggio il Tribunale del Riesame di Catania, chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori degli arrestati

Setta degli orrori, la profezia dell’orco-scrittore

Nell'ultimo "romanzo" di Emanuele Giordano alias Pietro Capuana, la storia di un amore proibito tra una ragazzina minorenne e un uomo più grande 

“Si alzò un gran polverone allorché si diffuse la notizia di quello scandalo. La stampa accese i suoi potenti riflettori: esigeva ad ogni costo una vittima. Un mostro!”. Recita così uno dei passi più drammatici di “Pupazzi di stoppa”, uno degli ultimi romanzi dello scrittore etneo Emanuele Giordano. Sullo sfondo la vicenda di una minorenne che innamorandosi di un uomo più grande provoca senza volerlo la sua condanna per abusi sessual

Setta degli orrori, che fine ha fatto il “tesoro” del guru?

Su Cronaca Vera inquietanti dettagli sui soldi dell'Associazione Cattolica Cultura e Ambiente e sugli abusi commessi da Capuana e dalle "apostole"

tesoro

ACI BONACCORSI (CATANIA) – Che fine ha fatto il “tesoro” della “setta degli orrori”? A chiederselo, nel numero di Cronaca Vera in edicola questa settimana, è il giornalista Giuliano Rotondi, che ricostruendo le vicende dei presunti abusi sessuali nella comunità di Aci Bonaccorsi – che sarebbero stati commessi dal “guru” Pietro Capuana con la complicità delle “apostole”

Setta degli orrori, i commenti sul gruppo Facebook: “Giornalisti infangano, Dio sa come punirli”

A dieci giorni dall'arresto di Pietro Capuana e di Fabiola Raciti, Rosaria Giuffrida e Katia Concetta Scarpinato i commenti in una delle pagine virtuali della comunità

gruppo

ACI BONACCORSI (CATANIA) – “Noi dell’associazione siamo forti e non ci facciamo intimorire dalle minchiate che scrivono questi sulla carta stampata”. A dieci giorni dall’arresto dell’”arcangelo” Pietro Capuana e delle tre “apostole” Fabiola Raciti, Rosaria Giuffrida e Katia Concetta Scarpinato – accusati di aver messo in piedi un giro di abusi sessuali all’interno dell’Associazione Cattolica Cultura e Ambiente

Setta degli orrori, Diocesi istituisce una Commissione

La decisione del Vescovo di Acireale Raspanti in merito all’inchiesta sull'“Associazione Cattolica Cultura ed Ambiente” di Aci Bonaccorsi. Le parole a Tribù: "So qual è il mio compito"

Commissione

Una commissione per “raccogliere elementi utili a fare chiarezza sulla eventuale violazione del sigillo sacramentale e su tutto ciò che concerne la materia ecclesiale, morale e dottrinale dei fatti occorsi”. E’ la decisione del Vescovo di Acireale Antonino Raspanti in merito all’inchiesta sulla “Associazione Cattolica Cultura ed Ambiente” di Lavina ad Aci Bonaccorsi

L’Arcangelo, le Apostole e le vittime: le “parti” nella setta dell’orrore

Al centro dell'operazione "12 apostoli" della Polizia Postale di Catania la comunità "Associazione Cattolica Cultura e Ambiente" di Aci Bonaccorsi fondata da padre Cavalli. Tutti i dettagli dell'operazione 

Si faceva chiamare l'”arcangelo” e poteva contare su un gruppo di fedelissimi che si auto-definivano “apostoli”. Ma di angelico Pietro Capuana – settantatré anni, capo della congregazione religiosa “Associazione Cattolica Cultura e Ambiente” di Aci Bonaccorsi – non aveva proprio nulla. L’uomo è stato arrestato questa mattina dagli uomini del Compartimento della Polizia Postale di Catania con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla violenza sessuale aggravata ai danni di minori