Renzi in Sicilia dopo la batosta: “Indietro sulle infrastrutture ma il futuro è straordinario”

Il segretario dem è tornato per la prima volta sull'isola dopo la debacle del Partito Democratico e del centrosinistra alle elezioni regionali 

RENZI

CATANIA – Si è concluso oggi pomeriggio con la tappa a Scordia, nel catanese, la due giorni siciliana del segretario del PD Matteo Renzi. L’ex premier era sbarcato ieri a Messina per la conclusione ideale del tour del treno PD. Renzi ha toccato tutte le province siciliane, tornando per la prima volta sull’isola dopo la debacle

Musumeci, la Giunta non convince: dopo Salvini e parte di FI si sgancia anche Parisi

Non usa mezzi termini il leader di Energie per l'Italia nel denunciare la situazione a suo dire "molto grave" creatasi in Sicilia intorno alla composizione della squadra di Governo

PALERMO “Comportamenti irrispettosi della volontà popolare”. Non usa mezzi termini il leader di Energie per l’Italia Stefano Parisi, nel denunciare la situazione a suo dire “molto grave” creatasi in Sicilia intorno alla composizione della Giunta Musumeci. Sullo sfondo le polemiche che avevano accompagnato la formazione della squadra di governo, con l’esclusione di alcuni nomi eccellenti della coalizione dal gioco degli assessorati.

Vittorio Sgarbi, Assessore alla Cultura entra ed esci

L'eclettico critico d'arte, noto per le sue intemperanze e le molte peripezie televisive farà parte della Giunta che Musumeci dovrebbe presentare a giorni

Sgarbi

PALERMO – Un Assessore entra ed esci. Sarà questo Vittorio Sgarbi, responsabile designato dei Beni Culturali in Sicilia. L’eclettico critico d’arte, noto per le sue intemperanze e le molte peripezie televisive (spesso di dubbio gusto), farà parte della squadra di Governo che Nello Musumeci dovrebbe presentare in settimana. Il nome di Sgarbi, al momento, è tra

Riina è morto, la mafia no. La sfida è aperta

Il boss corleonese era ricoverato nel Reparto detenuti dell'ospedale di Parma e da tempo le sue condizioni di salute erano critiche. Nelle scorse ore la firma del ministro della Giustizia Orlando per consentire ai familiari di vederlo

È morto il boss Totò Riina. Il capo dei capi di Cosa nostra. Ma non è morta la mafia e si determina una fase di transizione tremenda e dagli esiti incerti. La sfida è in sostanza aperta. Adesso non possiamo perdere tempo. Lo Stato deve saper dimostrare che sa passare dall’”antimafia del giorno dopo” all’”antimafia

Regionali Sicilia, Di Maio annulla il duello con Renzi

Ad annunciarlo, con un post pubblicato su Facebook, è proprio il candidato premier del Movimento Cinque Stelle

Di Maio

PALERMO – Annullato il duello televisivo previsto per domani tra Luigi Di Maio e Matteo Renzi. Ad annunciarlo, con un post pubblicato su Facebook, è proprio il candidato premier del Movimento Cinque Stelle, che nei giorni scorsi aveva “sfidato” l’ex premier ad un confronto in tv. E’ la prima conseguenza politica evidente del risultato delle elezioni

Il nuovo presidente della Regione dovrà dare risposte

La campagna elettorale per l’elezione del nuovo governatore e dell’Assemblea regionale che si è appena chiusa ci porta alle urne con un senso di smarrimento. Chiunque vinca domani, occorrerà ripartire dai fatti

Presidente

PALERMO – Indagati. Imputati. Condannati. Impresentabili. Meno tasse e Ponte sullo Stretto. Tante parole e moltissimi insulti. Che pena. Quanta tristezza. La Sicilia è sull’orlo del baratro, ma la campagna elettorale per l’elezione del nuovo governatore e dell’Assemblea regionale che si è appena chiusa ci porta alle urne con un senso di smarrimento. Di vuoto.

Catania, i “morti” portano Berlusconi, Meloni e Salvini

Ieri il Cavaliere ha arringato il suo popolo dal palco del teatro Politeama di Palermo. Oggi replica a Catania, dove sono presenti anche i leader di Lega e Fratelli d'Italia

CATANIA – Ai tempi dell’ultima visita, durante la campagna elettorale per le politiche del 2008, Silvio Berlusconi era ancora il dominus della politica italiana e si preparava a tornare al governo per la terza volta. E la città ai piedi dell’Etna, amministrata dal medico-erborista Umberto Scapagnini, avrebbe portato il suo degno contributo al trionfo elettorale

Riciclavano i proventi dei falsi certificati energetici: maxi blitz tra il Piemonte e la Sicilia

La Guardia di Finanza di Torino ha arrestato 26 persone appartenenti a un sodalizio criminale specializzato in truffe nell'ambito della vendita dei titoli che attestano il risparmio energetico

Arriva fino in Sicilia la vasta operazione della Guardia di Finanza di Torino che ha portato all’arresto di 26 persone ritenute appartenenti a un sodalizio criminale basato nella provincia torinese e finalizzato alla commissione di reati di truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche e reati di riciclaggio e autoriciclaggio.

Mattarella: “In Sicilia la mafia resta un pericolo grave”

Lo ha detto il Presidente della Repubblica incontrando oggi pomeriggio al Palazzo del Quirinale i ragazzi delle scuole di secondo grado rispondendo alle loro domande

Mattarella

  ROMA – Turismo, cultura, ruolo della scuola nel rilancio del Sud e di tutta Italia. Sono alcuni dei temi affrontati oggi pomeriggio dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso dell’incontro al Quirinale con alcuni studenti delle scuole secondarie di primo grado. I ragazzi hanno rivolto al Capo dello Stato domande a tutto tondo, dal suo ruolo

Smantellata banda di usurai violenti, arresti e perquisizioni anche in Sicilia

Operazione dei Carabinieri del Nucleo Operativo di Palestrina (Roma). Cinque le persone fermate

ROMA – Una violenta banda di usurai è stata smantellata dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palestrina. L’operazione è scattata alle prime luci dell’alba, con arresti e perquisizioni eseguiti tra la Capitale, i Castelli Romani, l’Abruzzo e la Sicilia. Cinque le persone finite in manette. L’indagine – coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma –