Caso Saguto, Palazzo Chigi e Viminale parti civili

Il processo per gli illeciti della sezione misure di prevenzione di Palermo guidata all'epoca dal magistrato

saguto

CALTANISSETTA – Al processo sui presunti illeciti nella gestione della sezione misure di prevenzione di Palermo, in corso a Caltanissetta, il Gup ha ammesso la costituzione di parte civile della Presidenza del Consiglio dei ministri, dei Ministeri dell’Interno e della Giustizia, che ha chiesto un risarcimento di sette milioni di euro, e del Comune di Palermo.

Caso Saguto, al via il processo: Stato chiede risarcimento milionario

Hanno chiesto di costituirsi parte civile Palazzo Chigi, Viminale e ministeri Economia e Giustizia

saguto

PALERMO – Al via il processo sui presunti illeciti nella gestione della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Sul banco degli imputati 19 persone, tra cui l’ex presidente della sezione Silvana Saguto, alcuni suoi familiari, l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, amministratori giudiziari, un colonnello della Dia e i giudici Lorenzo Chiaramonte, Tommaso

Sale Bingo e il figlio del pm Saguto: nuove ombre su Forello

Nello studio del candidato sindaco M5S lavorava il figlio del pm a processo per corruzione 

forello

PALERMO – A tre giorni dal voto amministrativo di Palermo, nuove ombre si addensano su Ugo Forello: nello studio del candidato sindaco del M5s ha lavorato il figlio di Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale rinviata a giudizio per corruzione, nell’ambito della gestione dei beni confiscati. A raccontare la vicenda