Fallimento Postepress, imprenditore trapanese arrestato per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Ai domiciliari Vincenzo Martinez, 64 anni. Per la Gdf era lui a guidare la società, operante in tutto il territorio nazionale, anche se il ruolo dell’amministratore unico era formalmente ricoperto da un anziano affetto da gravi disturbi fisici

PALERMO – Le Fiamme Gialle di Palermo hanno arrestato Vincenzo Martinez, 64 anni, imprenditore trapanese, accusato di bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Gli arresti domiciliari sono stati disposti dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo, al termine di indagini che hanno riguardato il fallimento della Postepress Srl, società palermitana che

“Troppi disservizi nei voli aerei Pantelleria-Trapani e Palermo”: interrogazione del M5s a Bruxelles

L'eurodeputato Ignazio Corrao ha depositato un'interrogazione alla Commissione Europea per chiedere un eventuale intervento sui reiterati disservizi della compagnia aerea "Mistral Air"

Voli

PALERMO – Troppi disservizi e atterraggi d’emergenza nei collegamenti aerei tra Pantelleria, Trapani e Palermo. E’ la denuncia dell’eurodeputato del Movimento Cinque Stelle Ignazio Corrao, che nelle scorse ore ha depositato un’interrogazione alla Commissione Europea per chiedere un eventuale intervento di Bruxelles sui reiterati disservizi nei collegamenti operati dalla compagnia aerea “Mistral Air”. “La situazione è

Cosa Nostra e ‘ndrangheta sono dentro la massoneria: 193 ‘fratelli’ coinvolti in fatti di mafia

L'inquietante conclusione emerge della relazione della Commissione parlamentare antimafia su "Mafia e massoneria". Decine di condannati ma non tutti sono stati espulsi

La mafia e la ‘ndrangheta si sono infiltrate anche dentro la massoneria. Questa l’inquietante conclusione che emerge della relazione finale della Commissione parlamentare antimafia su “Mafia e massoneria”. Secondo lo screening fatto dallo Scico sugli elenchi sequestrati l’estate scorsa su decreto della presidente Rosy Bindi alle quattro principali obbedienze massoniche in Italia – il Goi, la

Maxi blitz nel trapanese: caccia a Matteo Messina Denaro

Duecento agenti stanno effettuando decine di perquisizioni nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento

matteo messina denaro

CASTELVETRANO (TRAPANI) – Maxi blitz della DDA di Palermo nella zona di Castelvetrano, in provincia di Trapani, paese del boss latitante Matteo Messina Denaro. Duecento agenti della Squadra Mobile di Palermo e dello Sco stanno effettuando decine di perquisizioni nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento. I NOMI – Nel

“Mare monstrum”, sequestrati due B&B all’ex deputato regionale Girolamo Fazio

Il valore degli immobili, circa 108 mila euro, è ritenuto l’equivalente del prezzo della corruzione erogata in favore del politico arrestato prima delle Comunali di maggio in cui si era ricandidato a sindaco

fazio

TRAPANI – I carabinieri di Trapani e Palermo hanno eseguito il sequestro preventivo ai fini della confisca nei confronti di due immobili di Girolamo Fazio, ex deputato regionale ed ex sindaco di Trapani, arrestato il 19 maggio scorso, prima delle Comunali in cui si era ricandidato a sindaco, insieme al funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Montalto

Palpeggia una donna al cimitero: arrestato

I carabinieri di Campobello di Mazara lo hanno identificato grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza

CAMPOBELLO DI MAZARA (TRAPANI) –  I Carabinieri hanno arrestato il palpeggiatore del cimitero di Campobello di Mazara. L’uomo, M.C., dopo la convalida del fermo, è stato rinchiuso nel carcere di Trapani. Le indagini erano scattate lo scorso 17 novembre dopo la denuncia di una giovane donna che mentre si trovava al cimitero, per fare visita ai

La ginecologa: “Care pazienti, votate per mio figlio”

Una lettera per invitare a votare il figlio candidato all'ARS. Nulla di strano, se non che la vicenda è accaduta nel contesto dell'Ospedale "Sant'Antonio Abate" di Trapani

pazienti

TRAPANI – Una lettera per invitare a votare il figlio candidato all’ARS. Nulla di strano, se non che la vicenda è accaduta nel contesto dell’Ospedale “Sant’Antonio Abate” di Trapani. La cui dirigente Francesca Paola Maltese – ginecologa, madre di Francesco Salone, in corsa per Palazzo dei Normanni con la lista Popolari e Autonomisti – Idea Sicilia

Si dichiaravano indigenti, 180 furbetti del ticket sanitario scoperti nel trapanese

Le verifiche della Guardia di Finanza hanno permesso di rilevare che i redditi effettivamente percepiti da molti beneficiari superavano di gran lunga le soglie stabilite dalla legge per ottenere l’esenzione

CASTEVETRANO (TRAPANI) – La Guardia di Finanza ha scoperto 180 furbetti del ticket sanitario ricadenti del distretto di Castelvetrano (Tp). Elevate sanzioni per oltre 130 mila euro. Le indagini, che hanno riguardato le posizioni relative al 2013, sono partite per l’elevato numero delle esenzioni chieste per motivi reddituali. Dopo aver acquisito dalle locali ASP l’elenco degli assistiti,

Finanziava la latitanza di Matteo Messina Denaro: confiscati i beni del boss ergastolano Nastasi

Nel 2012, insieme alla moglie, era rimasto coinvolto nell'operazione “Mandamento”. Il provvedimento del Tribunale di Trapani colpisce un  patrimonio di 4 milioni di euro

TRAPANI – Beni per circa 4 milioni di euro sono stati confiscati dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Trapani al boss ergastolano Antonino Nastasi, di 70 anni, e alla moglie Antonina Italia, di 65, coinvolti nell’indagine “Mandamento”, che nel 2012 aveva portato all’arresto degli esponenti di spicco dell’articolazione mafiosa di Castelvetrano. La

Alcamo, scoperta stamperia di banconote false

Operazione delle Fiamme Gialle. Denunciate due persone. Il taglio riprodotto era quello da 10 euro

ALCAMO (TRAPANI) – Una stamperia clandestina di banconote false è stata scoperta in un appartamento di Alcamo dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di Trapani. Due le persone denunciate. Nell’abitazione, i finanzieri hanno trovato 19 banconote false da 10 euro, con lo stesso numero seriale, e una stampante multifunzione professionale, comprensiva