Arresto De Luca, M5s a Musumeci: “Voto alterato, scusati” Lui: “Le mie scelte saranno improntate alla prudenza”

L'affondo di Cancelleri e Corrao che rilanciano la questione degli impresentabili. La replica del neo presidente della Regione. Bindi: "Fatto gravissimo, speriamo sia l'ultimo"

cancelleri

MESSINA – Arrivano le prime reazioni sull’arresto del deputato regionale Cateno De Luca, avvenuto ad appena due giorni dalle elezioni che lo avevano riportato all’ARS nella maggioranza del presidente Nello Musumeci. A commentare la vicenda, tornando sul tema degli impresentabili che aveva dominato la campagna elettorale, è Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della regione del Movimento Cinque Stelle

Dallo show in mutande alla rielezione e all’arresto Ritratto dell’impresentabile Cateno De Luca

Il deputato regionale, rieletto all’ARS alle ultime elezioni nelle fila dell’Udc, è finito ai domiciliari con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale. Dopo le Regionali puntava a fare il sindaco di Messina

MESSINA – “I nostri non sono voti drogati ma è un consenso puro. Mi prenderò una pausa di una settimana con l’auspicio che il 9 si chiuda il mio calvario giudiziario per essere un uomo libero e coltivare i miei valori”. Così Cateno De Luca festeggiava lunedì sera la sua rielezione nelle file dell’Udc. E

La candidatura di Porto spacca l’Udc: Sgroi: “Vado via”

Manca solo l'ufficialità: l'alfiere di Enzo Bianco a Palazzo degli Elefanti, correrà per un seggio all'Ars nella lista dello Scudocrociato. Fuoco di sbarramento di Carmelo Sgroi: "Quello di Porto è un passo da opportunista"

porto

CATANIA – Il caso Porto scuote nella fondamenta l’Udc catanese. L’approdo nello Scudocrociato, con tanto di posto in lista per le Regionali, dell’alfiere di Enzo Bianco a Palazzo degli Elefanti, viene ormai dato per fatto. Una candidatura che però rischia di provocare un vero e proprio terremoto, con la fuoriuscita dal partito di esponenti di

L’Arcipelago senza Porto: il consigliere molla Micari

A pochi giorni dalla presentazione delle liste per le Regionali del 5 novembre, le parole del capogruppo di Enzo Bianco in consiglio comunale agitano la politica catanese.

Porto

CATANIA – Era uno dei pochi punti fermi della lista catanese “Arcipelago Sicilia”, ma adesso la crisi del progetto Micari gli impone “una seria riflessione”. A pochi giorni dalla presentazione delle liste per le Regionali del 5 novembre, le parole di Alessandro Porto agitano la politica catanese. L’ex fedelissimo di Raffaele Lombardo oggi capogruppo consiliare di “Con

Centrodestra, tutti con Musumeci (anche i cuffariani)

Il leader di #DiventeràBellissima sarà affiancato da Gaetano Armao e Roberto Lagalla. Ecco tutti i nomi della coalizione 

centrodestra

La sospirata ufficialità è finalmente arrivata. Sarà Nello Musumeci il candidato di una larga coalizione di centrodestra, in un ticket “doppio” con il leader dei Siciliani Indignati Gaetano Armao – indicato come futuro Assessore all’Economia – e con Roberto Lagalla, capo della lista IdeaSicilia e Assessore designato alla Cultura.

Primarie sì, primarie no: il dubbio amletico del Centrodestra alle Regionali

Il via libera non dipende né da Silvio Berlusconi, né dai "vertici romani"

Il dato è sempre quello: un consenso popolare che vedrebbe il centrodestra al 35%, secondo soltanto al Movimento 5 Stelle. Un dato possibile solo se si resta uniti. Perché poi, cosa ci sia dentro a quel 35%, non è che sia così chiaro

Dovranno risarcire la Regione: la scure della Corte dei Conti su Maira e Sparma

Condannati l'ex capogruppo Udc e l'ex assessore del governo Lombardo

Erano imputati per due distinte vicende. Maira per le cosiddette “spese pazze” dovrà risarcire 407 mila euro. Sparma per lo scandalo Ciapi, per il quale ha già patteggiato una pena di un anno e mezzo. Dovrà risarcire 50 mila euro

Palermo, rinviati a giudizio i deputati regionali Dina e Mineo

Un terzo deputato, Clemente del Pid, ha chiesto invece di essere giudicato con il rito abbreviato

PALERMO – Rinvio a giudizio per il deputato regionale Nino Dina – ex UdC, oggi membro del Gruppo Misto all’Assemblea Regionale Siciliana – e per Franco Mineo, ex deputato regionale di Grande Sud, oggi a processo in Appello dopo una condanna in primo grado per intestazione fittizia di beni di un mafioso. E’ la decisione del Gup Fabrizio Molinari,

Udc, D’Alia guida la scissione dei siciliani

PALERMO – Per mesi hanno convissuto da separati in casa. Adesso la definitiva separazione: traumatica e condita da un velenoso botta e risposta. L’Unione di Centro vive l’ennesima scissione. I venti di rivolta, come già successo in passato partono dalla Sicilia, il principale bacino elettorale degli eredi della Balena bianca. Che la frattura fosse insanabile