Concorsi truccati, nelle carte la faida tra i baroni

"Bottino", "ricatto", "merce di scambio". Era questo il linguaggio utilizzato dai professori indagati nell'inchiesta della Procura di Firenze per aver condizionato l'abilitazione all'insegnamento

Concorsi

“Bottino”, “ricatto”, “merce di scambio”. Non è una puntata di Narcos ma il linguaggio utilizzato dai “baroni” indagati nell’inchiesta “Chiamata alle armi” della Procura della Repubblica di Firenze, che da lunedì fa tremare i palazzi universitari di tutta Italia. Sette i professori ai domiciliari, ventinove gli interdetti, quarantacinque gli indagati: un terremoto senza precedenti nella

Concorsi truccati, due siciliani anche tra gli arrestati

Sono ben nove i professori siciliani coinvolti nell'operazione "Chiamata alle armi" messa a segno nelle scorse ore dalla Guardia di Finanza  NOMI E FOTO

Concorsi

Sono ben nove i professori siciliani coinvolti nell’operazione “Chiamata alle armi” messa a segno nelle scorse ore dalla Guardia di Finanza di Firenze. Oltre ai sei docenti interdetti per dodici mesi dall’insegnamento – Salvatore Sammartino, Daniela Mazzagreco e Maria Concetta Parlato (Università di Palermo), Francesco Randazzo (Università di Catania), Alessandro Filippo Cimino (Università Kore di Enna), Andrea Colli Vignarelli (Università di Messina) – e all’85enne

Concorsi truccati, nomi e foto dei siciliani coinvolti

Chi sono i docenti siciliani coinvolti nell'inchiesta che fa tremare il sistema universitario italiano

FIRENZE – Ci sono i nomi di sette siciliani nell’indagine che scuote i palazzi universitari di tutta Italia. L’operazione “Chiamata alle Armi” della Guardia di Finanza di Firenze ha visto nelle scorse ore l‘esecuzione di 29 misure cautelari per altrettanti docenti di diritto tributario di diversi Atenei italiani. Sette gli arrestati per corruzione – Guglielmo Fransoni (Università di Foggia), Fabrizio

Micari fa carta straccia dello Statuto dell’Università

Scorrendo lo Statuto dell'Ateneo palermitano si trova un'altra ragione per cui la candidatura del professore risulta in contrasto con il ruolo accademico

Statuto

Sulle ragioni di opportunità che avrebbero dovuto spingere il Rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari a dimettersi prima di candidarsi alla Presidenza della Regione si è scritto abbondantemente e da più parti. Sulla sua corsa a Palazzo d’Orleans pesano poi forti sospetti di ineleggibilità, che sarà compito dei giudici valutare a fronte di eventuali ricorsi

Unict, Basile “rilancia” su ripetenti, edilizia e mobilità

Presentato il programma del Rettore per il sessennio in corso: provvedimenti su studenti e didattica, aule studio e mobilità

UNICT

Il primo bilancio dell’esperienza alla guida dell’Unict – il nobile Siculorum Gymnasium fondato nel 1434 – arriva a cinque mesi dell’elezione. Francesco Basile – 61 anni, ordinario di Chirurgia, già Preside della Facoltà di Medicina dal 2008 al 2012 – è stato proclamato Magnifico Rettore nel febbraio scorso

Catania, Pignataro nella cabina di regia sul Piano di rientro

L'ex Rettore coadiuverà in qualità di economista gli Assessori e dirigenti incaricati di seguire lo svolgimento del Piano

pignataro

CATANIA – Nell’organismo incaricato di “vigilare” sull’attuazione del Piano di riequilibrio del Comune di Catania ci sarà anche lui. Giacomo Pignataro, già Magnifico Rettore dell’Università etnea dal 2013 al 2016, coadiuverà in qualità di economista gli Assessori e dirigenti incaricati di seguire lo svolgimento del Piano per conto dell’Amministrazione. A dare l’annuncio il sindaco di

Catania, perseguita la collega di Facoltà: preso studente stalker

In manette un 20enne originario dello Sri Lanka

CATANIA – Da mesi si era invaghito di una collega universitaria. Sebbene la ragazza non gli avesse mai dato adito a pensare che la loro fosse qualcosa in più di una semplice amicizia, lui si comportava come se fossero fidanzati, chiedendole conto con messaggi e bloccandola più volte nei corridoi dell’Ateneo. Un comportamento quello del

L’altra faccia della Cittadella: barche, rifiuti e laboratori incustoditi

Terza tappa del viaggio di Tribù nei luoghi dell'Università di Catania. Ecco cosa abbiamo visto

Cittadella

Un sentiero che si snoda per la campagna, una barca abbandonata in mezzo al nulla – senza nemmeno la targa necessaria per legge – contenente diversi rottami ed anche una batteria per auto abbandonata al sole. Le tracce del rimorchio che ha trasportato qui l’imbarcazione non sono lontane da una vera e propria discarica di rifiuti. Sembra un campo profughi, e invece è la Cittadella Universitaria di Catania

Umidità e incuria: ecco la Torre Biologica a tre mesi dall’apertura

A poco più di novanta giorni dall'apertura il nuovo plesso dell'Università degli Studi di Catania sembra andare verso il degrado

Torre Biologica

Umidità, mura rovinate, ascensori guasti. E’ la triste fotografia scattata questa mattina da Tribù alla Torre Biologica “Ferdinando Latteri”, il nuovo plesso dell’Università degli Studi di Catania sito accanto alla Cittadella in via Santa Sofia. L’edificio era stato inaugurato poco più di tre mesi fa alla presenza delle maggiori autorità cittadine – il sindaco Enzo Bianco, l’ex Prefetto Maria Guia Federico e il past Rettore Giacomo Pignataro – con la partecipazione straordinaria dell’allora premier Matteo Renzi

Alla scoperta dei Benedettini con un’app: ecco Monastero Junior

Un'applicazione sviluppata dai ragazzi della scuola Coppola permetterà di scoprire la storia e i segreti del complesso monumentale catanese

Che il Monastero dei Benedettini di Catania sia uno dei luoghi di maggiore interesse storico e culturale della città non sarà un mistero per nessuno. Che il complesso monastico possa essere scoperto attraverso una app – Monastero Junior, pensata dai ragazzi per i ragazzi e non solo – sarà forse meno noto ma è solo questione di tempo prima che la rivoluzione tecnologica entri in circolazione.