Turismo procreativo e tutela del minore: convegno in Tribunale

L’evento promosso dalla Camera minorile di Catania

CATANIA – “Turismo procreativo tra diritto dei genitori all’autodeterminazione e tutela del minore”: questo il tema dell’incontro di studio e confronto promosso dalla Camera Minorile di Catania, in programma domani (giovedì 25 maggio), alle 15,30 nell’aula delle Adunanze della Corte d’Appello del Tribunale.

Al centro dell’appuntamento, che rientra nel calendario di eventi dell’Unione Nazionale Camere Minorili, di cui l’associazione “Camera Minorile” di Catania fa parte, il confronto sulla nuova figura di “genitore sociale”. Saranno affrontate diverse tematiche di ampio respiro, anche a livello internazionale, su diritti e principi costituzionali, sia come libertà di scelta che come maggiore tutela del minore e della famiglia.

Sarà anche l’occasione per discutere del cambiamento collettivo, delle nuove rivendicazioni morali e giuridiche che coinvolgono tutti noi, oltre i vari servizi presenti sul territorio quali la Procura della Repubblica e il Tribunale per i Minorenni di Catania, e diversi uffici della Questura. Si parlerà inoltre del diritto di procreazione tra libertà e limiti, dei suoi profili penali e civili, nonché delle differenti ipotesi di reato riscontrabili e delle soluzioni giurisprudenziali adottate.

Dopo i saluti del presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Catania, Maurizio Magnano di San Lio, e della dottoressa Giuseppina Neri dell’Ufficio Minori della Questura di Catania, i lavori saranno presentati dall’avvocato Renata Saitta, presidente della locale Camera Minorile. Modererà il dibattito l’avvocato Gian Marco Gulizia, componente della Camera Minorile etnea.

Al tavolo dei relatori si alterneranno: Marisa Scavo, procuratore distrettuale aggiunto Procura della Repubblica di Catania; Rosaria Maria Castorina, magistrato della I sezione Civile Tribunale di Catania; Christian Serpelloni, avvocato del Foro di Verona e co-responsabile settore Penale Unione Nazionale Camere Minorili;  Fausto Caggia, avvocato e professore associato di Diritto Civile e Diritto di Famiglia comparato europeo all’Università Kore di Enna.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *