Vittorio Emanuele, aggredito medico. Domani processo per direttissima

Alla sbarra un pregiudicato catanese

CATANIA – Verrà giudicato domani per direttissima il pregiudicato Mauro Cappadonna, 47 anni, colpevole di aggressione ai danni di un medico in servizio al pronto soccorso del Vittorio Emanuele di Catania. L’uomo, secondo le ricostruzioni, avrebbe più volte inveito contro il dottore, reo di non aver comunicato – attenendosi alla legge – i dati di una donna ricoverata in seguito ad un incidente stradale con lo stesso Cappadonna ieri pomeriggio. Dopo aver inutilmente reiterato la richiesta, il pregiudicato si sarebbe allontanato dall’Ospedale salvo farvi ritorno accompagnato da quattro uomini incappucciati che avrebbero malmenato il medico. L’intervento delle Volanti, in servizio per la sorveglianza del pronto soccorso, avrebbe consentito di rintracciare velocemente gli aggressori.

Si tratta dell’ennesimo caso di violenza sul personale medico degli ospedali catanesi, per il quale il Vittorio Emanuele ha annunciato di volersi costituire parte civile per contribuire alla tutela del proprio medico. Una tutela ribadita dall’Anaao Assomed (Associazione Medici e Dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale), che in una nota commenta quanto accaduto ieri sera: “Proseguendo nella logica perversa di forti intimidazioni al personale medico e sanitario dell’Ospedale Vittorio Emanuele – scrive l’associazione – questa notte si è verificata una gravissima aggressione nei confronti di un dirigente medico in servizio reo solo di svolgere con professionalità e correttezza il proprio servizio. Un gruppo di uomini incappucciati lo ha aggredito in modo violento, rischiando di mandarlo in Rianimazione. Tutto ciò è di una gravità eccezionale, perché è di tutta evidenza la premeditazione di tale atto, volto ad intimidire e ad asservire a logiche mafiose le strutture sanitarie che sono in prima linea nei servizi ai cittadini”.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *